COLLEGIO UNIVERSITARIO DEI CAVALIERI DEL LAVORO
"LAMARO POZZANI"
EN
Cinema, Di Tullio: “Investire sugli ‘artigiani’ del grande schermo”

Non solo star. Al Collegio, riflettori puntati sulle professioni non artistiche del cinema. La struttura universitaria dei Cavalieri del Lavoro ha ospitato il 10 aprile scorso, l’incontro con Ugo Di Tullio, presidente della Mediateca Regionale Toscana Film Commission e docente di Organizzazione e legislazione dello spettacolo teatrale e cinematografico all’Università di Pisa, e Augusto Pelliccia, titolare di Augustus Color, società specializzata nelle attività di post produzione audiovisiva, digitalizzazione e restauro delle pellicole. “L’Italia ha una storia di artigiani insuperabile. Dobbiamo ridare valore a questa tradizione anche nel cinema”,  afferma Di Tullio, confortato dalla recente vittoria dell’Oscar per il miglior trucco assegnato agli italiani Bertolazzi e Gregorini per il film “Suicide Squad”. “I grandi artigiani italiani hanno fatto e fanno la differenza come testimonia quella statuetta”, illustrando il variegato mondo dei mestieri che ruotano intorno al set cinematografico e che creano importanti occasioni di occupazione e di promozione dei territori. Nei soli circuiti del cineturismo – riporta l’esperto – si è stimato che l’investimento pubblico di un euro in cultura, nel medio-lungo periodo può portare ad un guadagno di circa 2,5 euro.

 

Vai all'elenco degli incontri

CONTINUA
Curriculum dei neo-laureati e laureandi del Collegio

Ecco i neo-laureati e i laureandi del Collegio "Lamaro Pozzani": è possibile consultare online i loro profili, le aree di interesse e i loro curriculum integrali. Il sistema di ricerca permette di selezionare le aree di studio

CONTINUA
Ammissione al Collegio, pubblicato il nuovo bando

Pubblicato il bando di ammissione del Collegio Universitario dei Cavalieri del Lavoro “Lamaro Pozzani” per l’anno accademico 2017/2018. Sono disponibili fino a un massimo di 14 posti per studenti che si iscriveranno al primo anno di un corso di laurea triennale o magistrale a ciclo unico. Agli ammessi sarà proposta, tra l’altro, un’attività di formazione nel campo delle lingue straniere e della cultura aziendale.

Per accedere alle selezioni è necessario aver riportato una media complessiva dei primi quattro anni della scuola secondaria superiore non inferiore a 8/10 oppure un punteggio all’esame di Stato, sostenuto nel 2016 o nel 2017,  pari a 100/100 o a 100 e lode. Sono esclusi gli studenti residenti a Roma e provincia.

Le domande possono essere presentate online da mercoledì 12 aprile e dovranno pervenire al Collegio entro martedì 22 agosto.
Le prove di ammissione si svolgeranno da venerdì 25 agosto e termineranno entro martedì 29 agosto e consisteranno in prove scritte, colloqui e dibattiti.

 

VAI AL BANDO DI AMMISSIONE

CONTINUA
Cinema, Di Tullio: “Investire sugli ‘artigiani’ del grande schermo”

Non solo star. Al Collegio, riflettori puntati sulle professioni non artistiche del cinema. La struttura universitaria dei Cavalieri del Lavoro ha ospitato il 10 aprile scorso, l’incontro con Ugo Di Tullio, presidente della Mediateca Regionale Toscana Film Commission e docente di Organizzazione e legislazione dello spettacolo teatrale e cinematografico all’Università di Pisa, e Augusto Pelliccia, titolare di Augustus Color, società specializzata nelle attività di post produzione audiovisiva, digitalizzazione e restauro delle pellicole. “L’Italia ha una storia di artigiani insuperabile. Dobbiamo ridare valore a questa tradizione anche nel cinema”,  afferma Di Tullio, confortato dalla recente vittoria dell’Oscar per il miglior trucco assegnato agli italiani Bertolazzi e Gregorini per il film “Suicide Squad”. “I grandi artigiani italiani hanno fatto e fanno la differenza come testimonia quella statuetta”, illustrando il variegato mondo dei mestieri che ruotano intorno al set cinematografico e che creano importanti occasioni di occupazione e di promozione dei territori. Nei soli circuiti del cineturismo – riporta l’esperto – si è stimato che l’investimento pubblico di un euro in cultura, nel medio-lungo periodo può portare ad un guadagno di circa 2,5 euro.

 

Vai all'elenco degli incontri

CONTINUA
Curriculum dei neo-laureati e laureandi del Collegio

Ecco i neo-laureati e i laureandi del Collegio "Lamaro Pozzani": è possibile consultare online i loro profili, le aree di interesse e i loro curriculum integrali. Il sistema di ricerca permette di selezionare le aree di studio

CONTINUA
Ammissione al Collegio, pubblicato il nuovo bando

Pubblicato il bando di ammissione del Collegio Universitario dei Cavalieri del Lavoro “Lamaro Pozzani” per l’anno accademico 2017/2018. Sono disponibili fino a un massimo di 14 posti per studenti che si iscriveranno al primo anno di un corso di laurea triennale o magistrale a ciclo unico. Agli ammessi sarà proposta, tra l’altro, un’attività di formazione nel campo delle lingue straniere e della cultura aziendale.

Per accedere alle selezioni è necessario aver riportato una media complessiva dei primi quattro anni della scuola secondaria superiore non inferiore a 8/10 oppure un punteggio all’esame di Stato, sostenuto nel 2016 o nel 2017,  pari a 100/100 o a 100 e lode. Sono esclusi gli studenti residenti a Roma e provincia.

Le domande possono essere presentate online da mercoledì 12 aprile e dovranno pervenire al Collegio entro martedì 22 agosto.
Le prove di ammissione si svolgeranno da venerdì 25 agosto e termineranno entro martedì 29 agosto e consisteranno in prove scritte, colloqui e dibattiti.

 

VAI AL BANDO DI AMMISSIONE

CONTINUA

Nato nei dintorni di Cinecittà nel '71 da un’idea del presidente della Federazione Nazionale dei Cavalieri del Lavoro Enrico Pozzani e grazie al sostegno di Antonio Lamaro, il Collegio Universitario dei Cavalieri del Lavoro “Lamaro Pozzani” ospita 70 studenti (che dispongono gratuitamente di stanze singole con servizi) provenienti da tutta Italia e selezionati ogni anno attraverso prove particolarmente rigorose.

 

L’obiettivo è quello di contribuire alla formazione di giovani in grado di raggiungere posizioni di responsabilità nel mondo del lavoro, grazie ad un’esperienza culturale e umana caratterizzata da varietà di contenuti, curiosità e senso critico.

LEGGI