Menu

Tra aerospazio e corporate. Luigi Di Rosa finalista del contest Adecco Group

12.08.2021

a cura di Lorenzo Farrugio

Luigi Di Rosa, classe ’98, da settembre al II anno di Ingegneria aeronautica alla Sapienza e al V del Collegio “Lamaro – Pozzani”.  Nel suo palmarès una laurea con lode in Ingegneria Aerospaziale. A maggio sei stato tra i 6 finalisti, su 12 000 candidati, della VII edizione di Ceo for One Month Italia dell’Adecco Group.

Di cosa si tratta?

CEO for One Month è il talent program di The Adecco Group, che offre al vincitore la possibilità di affiancare per un mese l’Amministratore Delegato di The Adecco Group Italia Andrea Malacrida. A maggio, dopo numerosi test logico-attitudinali, colloqui telefonici e online, business games e assessments di gruppo, volti a testare le abilità di problem solving, creatività e intraprendenza, sei stato selezionato tra i 6 finalisti su oltre 12300 candidati e hai avuto la preziosa opportunità di partecipare al Bootcamp finale, dove hai risolto e presentato business case, affrontato prove di stress management e dato fondo alla tua creatività insieme ad altri 5 talenti italiani.

Cosa ti ha lasciato questa esperienza?

CEO for One Month è un’esperienza unica nel suo genere, perché offre la possibilità di mettersi alla prova in sfide nuove ed entusiasmanti, atipiche per uno studente universitario, che ti spingono ad uscire dalla comfort zone e a sfidare i tuoi limiti, dando fondo a tutto il bagaglio di hard e soft skills che si possiede. Tutto ciò, grazie al minuzioso lavoro svolto dalle Assessor di The Adecco Group, permette di ottenere un profilo completo e dettagliato dei propri punti di forza e debolezza, fondamentale per un giovane che sta per inserirsi nel mondo del lavoro. Partecipare a CEO for One Month mi ha dato anche la possibilità di scoprire una realtà lavorativa d’eccellenza come The Adecco Group, leader mondiale nei servizi dedicati alle risorse umane, e di capire l’inestimabile valore che la persona riveste in un’azienda, nonché di incontrare i migliori talenti italiani, con i quali condivido il sogno di avere un impatto positivo sul mondo che mi circonda.

Tu sei un ottimo studente di ingegneria aerospaziale. Da dove nasce questo interesse per le risorse umane e per l’universo delle corporate?

Sebbene sia uno studente di ingegneria aeronautica, sono sempre stato molto affascinato dal mondo aziendale. Infatti, nel corso dei miei studi universitari, ho cercato di seguire in parallelo dei corsi legati alla gestione del business, nonché di testare le skills sviluppate partecipando a competizioni e business games. Sicuramente l’ambiente stimolante e multidisciplinare del Collegio Universitario dei Cavalieri del Lavoro “Lamaro Pozzani” mi ha aiutato ad ampliare i miei orizzonti d’interesse, mettendomi a contatto con studenti di materie economico-aziendali, che mi hanno saputo orientare in un mondo a me non familiare, ma soprattutto offrendomi l’opportunità di incontrare i Cavalieri del Lavoro che, con le loro storie fatte di successi, impegno e sacrifici, hanno saputo ispirarmi, contribuendo ad alimentare quella fiamma che mi spinge giorno dopo giorno a migliorare.


Non Solo Collegio / 1
Traguardi e storie extra-accademiche
degli Allievi del “Lamaro-Pozzani”